biennale aricolo

Biennale dello Spazio Pubblico, creatività e condivisione 2.0

29 maggio 2013 | di
in architettura, nuovi media, social e dintorni | Nessun Commento

 

 

2013-05-16 16.43.25La Biennale dello Spazio Pubblico conclude la sua seconda edizione e si conferma come un evento di riferimento per la capitale.
La manifestazione, ospitata nei locali della Casa dell’Architettura e della Facoltà di Architettura di Roma Tre, è stata organizzata dall’Istituto Nazionale di Urbanistica con la collaborazione di ANCI, Cittalia, Facoltà Architettura Roma 3, Consiglio nazionale architetti, Casa dell’architettura, Ordine architetti di Roma ed il sostegno di Cornell University.
Oltre duemila persone hanno aderitoall’iniziativa: decine di associazioni e comitati, docenti, studenti, imprenditori, cittadini. Sono stati 440 relatori che hanno stimolato il dibattito sul recuparo degli spazi pubblici, attraverso una nuova idea di cittadinanza attiva, nel corso dei numerosi seminari e workshop.

Il coordinatore dell’evento, Mario Spada, spiega: “E’ stato un grande, aperto, libero incontro tra persone che in vario modo, da diversi punti di vista, professionali, sociali, accademici, si impegnano a migliorare gli spazi pubblici delle città e a realizzarli nelle aree periferiche e periurbane che ne sono sostanzialmente privi. Quasi tutti i seminari e workshop si sono svolti all’insegna della concretezza, della individuazione di percorsi praticabili di rigenerazione urbana”.

La sfida lanciata dalla biennale ha riguardato la riapropriazione degli spazi pubblici e la loro rivitalizzazione. Due gruppi al femminile hanno risposto con idee vincenti. Si tratta delle Tulup e delle Tspoon. Cosa hanno in comune? Sono giovani creative e credono fortemente che la social innovation sia il giusto modo per avviare nuove forme di condivisione urbana, riconquistando gli spazi e donando loro nuova identità.

biennale aricolo

Le Tulup provengono da formazioni culturali differenti: Dorotea e Federica sono dottorande in architettura, Elena è una psicologa ambientale ed Emanuela è una grafica.Le Tspoon, invece, presentano una formazione omogenea Alessandra, Eliana e Nina sono architette e vantano un’esperienza più matura alle spalle. Entrambi i progetti sono animati dal comune obiettivo di creare una piattaforma web che favorisca l’uso dello spazio pubblico come un luogo d’interazione, un punto d’incontro e d’informazione tra le risorse umane e temporali della città.

Le Tulup, con “Chip In” propongono un gioco che si sviluppa in tre fasi principali:

  • Nella prima si organizzerà un workshop con gli studenti e la cittadinanza per mappare gli spazi inutilizzati apponendovi i “Chips” come segnali urbani;
  • In una seconda giornata evento, verrano distribuiti degli stickers con cui lasciare una traccia delle proprie idee sui “Chip” disponibili nella città;
  • Nella giornata conclusiva i giocatori si incontreranno per verificare come si sia sviluppata la rete e per iniziare a realizzare concretamente le idee.

In una fase parallela questi processi verranno segnalati sulla piattaforma virtuale attraverso un social network con relativa applicazione.
Le Tspoon presentano “City-Hound”, “un social network finalizzato alla semplificazione dei processi di trasformazione temporanea degli spazi urbani sottoutilizzati. Una piattaforma web, per ora in fase di costruzione, capace di attivare un corto circuito finalizzato alla riappropriazione dello spazio e alla costruzione di nuove forme di socialità… Sfruttando anch’esso le opportunità offerte dall’ampia diffusione di tecnologie mobili portatili e dai social network.”

Stimolando la sensibilità cittadina verso il “bene comune”, entrambe i progetti fungono da strumenti relazionali che attraverso il web 2.0 e la creatività producono una cooperazione attiva nell’uso degli spazi urbani sottoutilizzati.

Fuori da ogni retorica sui tempi che corrono, questa Biennale ha evidenziato come la condivisione rappresenti una valida alternativa.

Pin It

Related Posts

« »

Partner

Mediapartnership

Medioera, torna a Palazzo dei Priori il Festival di Cultura Digitale
La seconda edizione di Kerning, la conferenza italiana sulla tipografia
#FOI13 - Registration
14.05.2013 @ 09:30 | Porta Futuro - Via Galvani 108, Roma  Il futuro della comunicazione pubblicitaria nell’era digitale e della crisi

In evidenza

Fermiamo la pubblicità sessista in Italia, una petizione lanciata dall’ADCI
WebReevolution – Il Festival del Web Marketing

Prossimi eventi

La mia scrivania è verde - Tiendeo - Offerte cataloghi e volantini - risparmiamo carta!

Cerca un graffio

Ora d'aria

Infografica del giorno

Libro della settimana

Focus

Scroll to top