fiat-punto-2012-lo-spot-tv-0

Non ti attacco ma ti prendo in giro (pa-ppa-ppero) – la (finta) pubblicità comparativa della FIAT Punto

10 gennaio 2012 | di
in advertising, failadv | 3 Commenti

 

Re-inauguriamo con il nuovo anno, la rubrica FailADV, ovvero le pubblicità che non invogliano all’acquisto (o che solamente sono riuscite male).

E iniziamo con uno spot TV, uscito proprio in questi giorni, firmato Leo Burnett per un brand tutto italiano: la FIAT.

Dato che la pubblicità comparativa è ancora un tabu in Italia, e che pochi si avventurano in questo campo per paura di finire dagli schermi televisivi ai banchi di un tribunale, in questa campagna si è deciso di confrontarsi con le auto competitor della stessa fascia di prezzo e prestazioni, giocando con i nomi di prodotto.

E così, invece di enfatizzare la qualità del prodotto “Fiat Punto“, si gioca a “preferire” la mini-gonna di una ragazza al posto della MINI-auto (ergo target prevalentemente maschile?); oppure a prediligere il gioco del Polo (normalmente giocato e seguito dall’italiano medio al posto dell’inflazionatissimo calcio) al posto della omonima citycar della Volkswagen; per ultimo chi non vorrebbe una bella Fiesta su una spiaggia caraibica al posto della 4ruote della Ford?

 

Bene, abbiamo la conferma che il copy-stagista sa fare anche i giochi di parole oltre che le bodycopy. Perché mi auguro che non sia stato un senior a partorire dei claim simili.
Capisco cercare evitare il confronto diretto per i motivi espressi sopra, ma queste analogie venivano addirittura usate 20 anni fa nelle barzellette, unendo il nome delle auto con quello di prodotti analoghi.

Cos’è la Polo?
Il buco con la macchina intorno.
(barzelletta datata 1980/90 d.C.)

Mi auguro che non venga intrapresa una battaglia a suon di “botta-e-risposta” fra le varie case automobilistiche, stimolate dal carattere competitivo delle agenzie nostrane, perché l’auto protagonista dello spot ha un nome che offre rivisitazioni “su un vassoio d’argento”.

Voi che ne pensate? Geniale ironia o ingenua banalità?

 

P.S. e comunque, rosso su nero è una delle peggiori coppie di colori per una buona leggibilità (sul web e non).

Pin It

Related Posts

  • http://www.tiragraffi.it Redazione Tiragraffi

    Discussioni prese da Friendfeed

  • http://www.piquant.it Micheldor

    Effettivamente non c’è una grande idea ma dipende anche da come ha interferito il committente nel lavoro del copy. Le pubblicità comparative, se proprio devono essere fatte, preferisco quelle che mettono in luce una caratteristica esclusiva del prodotto rispetto alla concorrenza, magari in modo ironico, invece di puntare sull’autocelebratività come questa.

  • Alessandra – Le Parold Giuste

    Non siamo certo ai livelli – geniali – del ragazzino che al distributore prendeva le lattine di Coca Cola al solo scopo di arrampicarvicisi sopra per raggiungere il pulsante della Pepsi, ma trovo che questa pubblicità sia molto migliore – o “molto meno peggio” – di tante trite e ritrite pubblicità di diverse case automobilistiche.
    Il copy poteva essere più incisivo, ma trovo la sua leggerezza ben commisurata al tono generale della pubblicità.
    Insomma, non è certo una di quelle che mi hanno fatto cambiare canale, e sono molte!

« »

Partner

Secondo Contest artistico TEN Collection di Fotolia: una vetrina internazionale per creativi di tutto il mondo

Mediapartnership

La seconda edizione di Kerning, la conferenza italiana sulla tipografia
#FOI13 - Registration
14.05.2013 @ 09:30 | Porta Futuro - Via Galvani 108, Roma  Il futuro della comunicazione pubblicitaria nell’era digitale e della crisi

In evidenza

Fermiamo la pubblicità sessista in Italia, una petizione lanciata dall’ADCI
WebReevolution – Il Festival del Web Marketing

Prossimi eventi

La mia scrivania è verde - Tiendeo - Offerte cataloghi e volantini - risparmiamo carta!

Cerca un graffio

Ora d'aria

Infografica del giorno

Libro della settimana

Focus

Scroll to top