Largo alla felicità: previsioni, le aspettative e le speranze dei cittadini di 55 paesi di tutto il mondo

by • 12 aprile 2018 • InfograficaComments (0)30

WIN e Gallup International, il più grande network mondiale di istituti di ricerca indipendenti, di cui Doxa è partner per l’Italia e socio fondatore, ha pubblicato i risultati della 41a edizione del Sondaggio Mondiale di Fine Anno sulle previsioni, le aspettative e le speranze dei cittadini di 55 paesi di tutto il mondo.

Highlights

  • • il 59% della popolazione mondiale dichiara di essere felice della propria vita (in calo rispetto al 68% dell’anno scorso); il 28% è né felice né infelice e l’11% non è felice
  • • il dato italiano della felicità è pari al 50%, in lieve rialzo rispetto al 2016 (+4%)
  • • l’indice “Net happiness”, dato dalla differenza tra le percentuali dei felici e quella degli infelici, è pari a 48% a livello mondiale e 42% in Italia
  • • Isole Fiji, Colombia e Filippine sono i paesi più felici (net happiness 92%, 87% e 84% rispettivamente) seguiti da Messico, Vietnam, Kazakistan, Papua Nuova Guinea, Indonesia, India ed Argentina, mentre l’Iran è in fondo alla classifica, insieme ad Iraq (ultimo nel 2016) ed Ucraina
  • • Nigeriani (+59% di “net economic optimism”), Vietnamiti (+55%) e Indonesiani (+53%) sono i più ottimisti guardando alle prospettive economie del proprio paese, seguiti da India, Filippine, Albania, Bangladesh, Isole Fiji, Kosovo e Pakistan; agli ultimi posti di questa classifica Italia, Grecia e Turchia
  • • su scala mondiale i giovani under 35 sono mediamente il 15% più felici degli over 55
  • • lo stesso si può dire per i più istruiti: i laureati sono il 13% più felici di coloro che hanno un livello d’istruzione base (scuola primaria)
  • • a livello di reddito, è risultato che il primo quintile di ogni paese è mediamente 32% più felice dell’ultimo quintile

Felicità, nonostante la preoccupazione per le prospettive economiche

In tutti i 55 paesi coinvolti nel sondaggio coloro che si dichiarano felici o molto felici sono risultati in superiorità rispetto agli infelici. Questo nonostante siano solo 3 (Nigeria, Vietnam e Indonesia) i paesi in cui l’indice “net economic optimism” sia superiore al 50%. I più pessimisti sono Italia, Grecia e Turchia.

La top ten dei paesi più felici vede ai primi posti le Isole Fiji (+92% net happiness), Colombia (+87%), Filippine (+84%), Messico (+82%), Vietnam (+77%), Kazakistan (+74%), Papua Nuova Guinea (+74%), Indonesia (+68%), Argentina (+64%) ed Paesi Bassi e India (+64% net happiness).

Mentre i 10 più ottimisti nei confronti delle proprie prospettive economiche per il 2018 sono Nigeria (+59% net economic optimism), Vietnam (+55%), Indonesia (+53%), India (+46%), Filippine (+32%), Albania (+31%), Bangladesh (+30%), Isole Fiji (+27%), Kosovo (+25%) e Pakistan (+20% net economic optimism).

I più felici sono i giovani, i laureati e i cittadini con redditi più elevati. E ciò è stato rilevato a livello generale, come se la felicità fosse più legata a questi fattori, a prescindere dal paese in cui si vive.

La situazione italiana

Entrando un po’ più nel dettaglio dei dati rilevati in Italia da Doxa, la percentuale di coloro che si aspettano un anno migliore è stabile rispetto al 2016 (15%), con valori leggermente più elevati nella fascia d’età 35-44 anni.

Resta negativo il quadro relativo alle prospettive sull’economia: coloro che si aspettano un anno di prosperità economica sono in linea col 2016 (9%), ma sono in leggero aumento (da 57% a 59%) coloro che prevedono un anno di difficoltà economica.

Volendo creare una sorta di “barometro dell’ottimismo” riportiamo per gli ultimi 10 anni l’indice “Net hope”, dato dalla differenza tra le percentuali degli ottimisti e dei pessimisti riguardo alle prospettive economiche per l’anno nuovo.

L’indice “Net Hope” in Italia: trend degli ultimi 10 anni

Domanda: Secondo Lei, rispetto a quest’anno, il prossimo anno sarà un anno di prosperità economica, di difficoltà economica o resterà come ora?

Fonte: Doxa

Metodologia

Il sondaggio è stato condotto in 55 paesi di tutto il mondo e sono state complessivamente eseguite 52.312 interviste. In ogni paese è stato intervistato un campione nazionale probabilistico di circa 1000 uomini e donne, sia personalmente (in 23 Paesi) sia telefonicamente (14 Paesi) o online (18 Paesi). Le rilevazioni hanno avuto luogo nel periodo ottobre-dicembre 2017.

Il margine d’errore per campioni di questo tipo è del +/- 3-5% ad un livello di confidenza del 95%.

Vilma Scarpino, Amministratore Delegato di Doxa e Presidente di WIN, ha commentato: “Nonostante il rialzo delle aspettative negative per l’anno che verrà in termini di prosperità economica sia per il paese che a livello personale, l’Italia si conferma un paese di persone tendenzialmente felici, un dato in lieve aumento rispetto al 2016. Nel confronto con gli altri paesi dell’area europea, l’Italia si colloca a metà classifica, con un indice di Happiness di +42, vicino a Francia (+43) e UK (+42) e davanti alla Germania (+38). Se consideriamo l’Europa nel suo insieme, vediamo però che i suoi cittadini sono tendenzialmente meno felici dei cittadini di tutte le altre regioni del mondo, eccetto il Medio Oriente”.

 

 

 

[ via ]
Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *