Kerning Conference 2018, la sesta edizione della prima conferenza italiana sulla tipografia

by • 18 aprile 2018 • Appuntamenti, Focus, Segnalazioni, TipografiaComments (0)106

Il 6, 7 e 8 Giugno 2018 a Faenza si terrà l’edizione 2018 della Kerning Conference, la prima conferenza italiana dedicata alla tipografia. Il tema di quest’anno è l’infinto.

I Workshop

I primi due giorni, il 6 e 7 Giugno, saranno dedicati ai workshop. Quest’anno ce ne saranno quattro. Il workshop de La Vecchia Stamperia dedicato alla stampa a caratteri mobili, quello di Ewan Clayton sulla calligrafica, quello di Bruno Maag e Tom Foley sul design di un carattere tipografico e quello di Georg Seifert, Laurence Penney e Rainer Erich Scheichelbauer sulla creazione di un variable font.

La conferenza

Il terzo giorno, l’8 Giugno, è dedicato alla conferenza. Come ogni anno la lista dei relatori è ricco di nomi noti al mondo della grafica e della tipografia. Quest’anno su tutti spicca, per fama e personalità, Erik Spiekermanntype designer tedesco. Tra i vari font che ha realizzato segnaliamo: Officina, Unit, Info, Fira Sans, Real e il Meta, uno dei 23 font della collezione permanente del MoMa. Spiekermann nella sua vita non è si limitato a progettare font. È uno dei fondatori di FontShop, una delle maggiori type foundry del mondo, prima di essere acquistata dalla Monotype nel 2014. Nel 1979 ha fondato lo studio di design Meta, che ha tutt’oggi vari sedi in tutto il mondo. Nel 2007 ha fondata un’altro studi di design, Edenspiekermann, ugualmente presente in più paesi.

In un’intervista su 99u Spiekermann, 71 anni, dice di non riuscire a immaginarsi seduto davanti al camino a leggere libri. Di libri in realtà ne legge tanti, ma per progettarli, «because I’ve always been annoyed by the fact that so many books are badly designed».

Qualche mese fa ha messo su una campagna Kickstarter per finanziare la stampa di un romanzo degli anni ’90 scritto da Louis Rossetto, fondatore di Wired, “Change is good“. Una stampa innovativa e sperimentale, Spiekermann la chiama post-digital printing.

Alla Kerning Conference di quest’anno saranno poi presenti: David Jonathan Ross, type designer americano che di recente a riprogettato il Forma di Navarese. Riccardo Olocco della type foundry italiana CAST. Matt Willey, art director del New York Times Magazine. Amélie Bonet, type designer francese della Monotype. Ewan Clayton, calligrafo e professore di Design presso la University of Sunderland. Maximiliano Sproviero, type designer argentino che ha fondato la type foundry Lián Types. Alessia Nicotra, un medico con un dottorato in neurologia e neurofisiologia coinvolta in una ricerca su emozioni e caratteri tipografici, e presso la type foundry inglese DaltonMaag.

Per maggiori informazioni, visitate il sito della conferenza.

I lettori di Tiragraffi possono acquistare il biglietto per la conferenza con uno sconto del 10% inserendo il codice:  tiragraffi

Kerning Conference
6-8 giugno 2018
Faenza – IT
www.kerning.it

Tiragraffi è Media Partner dell’evento

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi