Altri 5 regali per far felice un designer (ed. 2016)

by • 21 dicembre 2016 • Focus, Libri, RisorseComments (0)593

Ancora siete indecisi sui regali da fare, in aggiunta ai prescedenti, altri 5 consigli per rendere felice un designer.


1. How to use graphic design to sell things…

How to use graphic design to sell things, explain things, make things look better, make people laugh, make people cry, and (every once in a while) … make people laugh, make people cry, and…

Di Michael Bierut, questo libro è una sorta di manifesto del design. Ne racconta la storia, la filosofia, le potenzialità; dal bozzetto alla realizzazione finale, dall’ispirazione alla creazione di tendenze.
In inglese.

» Su Amazon


2. Critica portatile al visual design

Riccardo Falcinelli è uno dei piú apprezzati visual designer sulla scena della grafica italiana.
Il manuale Critica portatile al visual design è dedicato a chi non vuole limitarsi a riconoscere e usare le forme, ma capire chi davvero sta parlando.

Quasi cinquant’anni dopo Il medium è il massaggio di McLuhan e Fiore, un racconto che aggiorna la mappa di un mondo sempre più governato dalle immagini.

» Su Amazon

 

 

 


3. Pubblicitary

PUBBLICITARY è il gioco da tavolo sul mondo della pubblicità italiana: assumi risorse per creare il miglior team, compra l’ufficio perfetto e mobbizza lo stagista: solo così ruberai tutti i clienti delle altre Agenzie e resterà solo la tua.
Divertiti a sfogare la frustrazione, collezionare stagisti sempre freschi, lancia schiere di Strategic Planner e Coppie Creative all’assalto del cliente più danaroso e togliti la soddisfazione di veder fallire tutte le altre agenzie.
Lo scopo del gioco è acquisire tutti i Clienti presenti nel tabellone tramite le carte “GARA” che determineranno il vincitore in base al team costruito, gli immobili acquistati o pensieri del tutto irrazionali del Cliente.
Cinico e geniale!

» Su freakstore.biz


4. La caffettiera del masochista

La caffettiera del masochista. Il design degli oggetti quotidiani
di Donald A. Norman
A chi non à mai capitato di spingere una porta invece di tirarla o di rinunciare a lavarsi le mani perché non riesce ad azionare il rubinetto? In questi casi la sensazione di incapacità personale è molto forte: eppure, sostiene Norman, la colpa non è dell’utente, bensì di chi ha progettato questi oggetti d’uso comune senza considerare le normali attività mentali la cui conoscenza è essenziale per la progettazione di un ambiente ben organizzato e rispondente alle esigenze della mente. L’autore nel corso del libro passa in rassegna un gran numero di oggetti, accompagnando l’analisi del design con aneddoti e analizzando atti mancati, errori piccoli e grandi, incidenti, dimostrando che il responsabile è il design che induce ad errore.
Un testo sempre attuale che ogni designer dovrebbe tenere sul comodino.

» Su Amazon


5. Mad Man

Un ripasso della Golden Age della pubblicità. Magari datata, discussa, idolatrata o disprezzata, la serie televisiva statunitense, prodotta dal 2007 al 2015 sulla nascita dell’advertising, non può essere ignorata.

Ideata da Matthew Weiner, la serie utilizza il mondo pubblicitario di New York degli anni sessanta come specchio per raccontare i grandi cambiamenti avvenuti nella società americana durante il decennio.
E la raccolta delle 7 stagioni è l’ideale per una full immersion sotto le feste ;)

» Su Amazon

 

 


Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *