Carolina Valaguzza disegna il logo della XXII Marcia per la Pace

by • 18 ottobre 2016 • Brand Identity, ComunicazioneComments (0)459

Carolina Valaguzza, studentessa del corso di Comunicazione Pubblicitaria, è entrata nella storia della XXII Marcia per la Pace Perugia – Assisi, l’evento ideato dal filosofo Aldo Capitini nel 1961. Il logo I’M PEACE disegnato da Carolina, nell’ambito della collaborazione tra IED e il Magazine Riflesso, infatti, è stato scelto come Logo del Manifesto Ufficiale della Marcia.

 

senza-titolo-14

 

La collaborazione tra il Magazine Riflesso e IED è iniziata nel 2015, in occasione di EXPO Milano, con il contest sul tema “Nutrire il pianeta, Energia per la Vita” e ha coinvolto docenti e coordinatori della Scuola di Comunicazione in un laboratorio editoriale che ha partecipato al programma “Pace, fraternità e dialogo” promosso dal MIUR in collaborazione con l’ufficio Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani.

Il 9 ottobre, la marcia ha attirato oltre 50 mila persone, 500 città, 300 enti locali e 118 scuole. L’evento si è concluso nella splendida cornice della Rocca Maggiore di Assisi dove è avvenuta la premiazione; un successo che fonde la formazione all’informazione e che Carolina descrive così: “Il mio logo esprime un messaggio così semplice eppure così profondo; in esso l’impatto della grafica essenziale e la forza del concetto si uniscono. Vincere il premio mi ha emozionata perché significa essere parte attiva di un evento dal grandissimo valore simbolico”.

“La determinazione e la lungimiranza delle parti coinvolte in questo laboratorio editoriale ha sortito risultati inaspettati e un successo mediatico di risonanza nazionale e internazionale” ha dichiarato Carlo Timio – Editore Riflesso Magazine.

“I’M PEACE è il connubio tra design e impegno sociale, è un modo di essere, un obiettivo. È una bella vicenda negli ambiti della didattica e della comunicazione” ha dichiarato Alessio Proietti – Direttore Artistico Riflesso Magazine.

[ via IED ]

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *