Il ciclo di vita di un’app (e come sopravvivere al ri-ciclo)

by • 21 gennaio 2016 • Comunicazione, Nuovi MediaComments (0)934

Con una media di 9 minuti su 10 passati dagli utenti di smartphone navigando all’interno di app, sono queste ultime a farla da padrone nel mobile. Eppure, anche le migliori possono diventare obsolete se non riescono a mantenersi rilevanti e accattivanti e a fare i conti con  nuove app o la mancanza di interesse degli utenti.

Yahoo ha realizzato uno studio su un campione di 2.590 mobile user negli Stati Uniti, The App Lifecycle, che esamina i motivi che ci spingono a sostituire un’app e fornisce una serie di suggerimenti utili per garantirne la longevità e il tasso di engagement.

Le app inutilizzate rimangono sullo smartphone meno di una settimana per il 29% degli utenti, da 1 a tre mesi per il 32%, mentre l’11% aspetta 3-6 mesi prima di rimuoverla. E sono le app di news ad essere eliminate per prime (di media dopo 11 settimane che rimangono inutilizzate), seguite dalle app di shopping, search e intrattenimento (12 settimane) e 13 settimane per le app di turismo, gestione e connessione.

Secondo lo studio, le app vengono rimosse semplicemente perché non utilizzate (55%), perché vengono sostituite da una nuova app più utile (53%), perché c’è troppa pubblicità (46%) o per liberare spazio di archiviazione (45%). L’81% degli utenti intervistati dichiara che il passaggio a device con schermo più grande influenza anche la scelta di utilizzare app diverse, soprattutto se di intrattenimento (69%) e news (66%).

Qual è invece il comportamento dell’utente quando decide di scaricare un’app?  Attualmente il 61% delle app viene scaricato direttamente dall’app  store,  in altri casi sono i link delle app adv a suggerire e spingere l’utente al download. Sono soprattutto le app di giochi (44%), per bambini (34% e di lifestyle (33%) ad essere scaricate direttamente dall’app store. La pubblicità on line che include il link per scaricare l’app gioca un ruolo fondamentale determinando il download nel 49% dei casi.  L’adv influenza anche un utente su due nel riutilizzare app dormienti che aveva precedentemente scaricato

I fattori che invece funzionano da deterrente per scaricare un’app sono  in primis le recensioni negative (39%), insieme al fatto di non avere spazio sufficiente di memoria (36%); seguono poi  il costo troppo elevato (36%) e la somiglianza a un’app già in uso (32%).

E’ curioso infine un dato fra i tanti che ci rivela la ricerca: nonostante la vasta offerta di app,  secondo il 30% del campione intervistato c’è  sempre un’app di cui gli utenti sentono la mancanza e che non è stata ancora sviluppata.

 

foto yahoo

 

[ via ]

 

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *