I protagonisti del design delle interfacce: Nicola Felasquez Felaco

by • 5 Giugno 2014 • Focus, Interviste, ProtagonistiComments (3)1549

nicola-felasquez-felaco-fotoNicola Felaco è un product designer e un artista visivo conosciuto sul web come Felasquez. Attualmente è responsabile del Design presso MusiXmatch, l’applicazione che mostra i testi mentre si ascoltano le canzoni su computer o smartphone.

Attratto dalla tecnologia da sempre, da bambino voleva essere come suo padre, tipografo e, dice, “lavorare con quelle macchine da stampa stravaganti ed enormi”. Ha lavorato per piccole e grandi clienti come Ferrari, Wired Magazine, Fly Emirates, Killscreen, Ducati, Moleskine, Airbus, Couple App. I suoi lavori sono stati citati da siti come Mashable e The Creators Project.

Quando i tuoi amici o i tuoi genitori ti chiedono che lavoro fai, come rispondi?
Ogni volta è sempre divertente. Non facile dover spiegare ai miei amici il mio lavoro, ma lo è ancora di più con i miei genitori e i miei nonni. In pratica disegno cose.

Qual è il tuo background, come ti sei formato?
Ho avuto l’opportunità di crescere molto lavorando in Triboo, agenzia specializzata in e-commerce per grandi clienti internazionali. È stato sicuramente la mia prima e più intesa formazione professionale nel campo del visual e UI/UX. Ora sono a MusiXmatch, una grande sfida nell’ambito della music experience, mi occupo della progettazione delle app desktop e mobile. Nel frattempo, nel corso di questi anni ho continuato le mie ricerche e sperimentazioni nell’ambito delle arti visive e dell’illustrazioni.

Nel 2013 il tema del From the Front, conferenza tutta italiana sul frontend, era “quello che il web può fare per rendere il mondo un posto migliore”. Come ti ha migliorato la vita (se lo ha fatto) il web?
Grazie al web possiamo creare molte connessioni, vivere diverse esperienze, sempre più velocemente e in modi sempre più semplici stando seduti.

Ci indichi tre esempi di interfaccia che secondo te hanno migliorato la vita delle persone?
Cellulari, TV, Motori di ricerca.

Su quora.com, tempo fa c’è stata una lunga discussione in risposta alla domanda “Qual è l’interfaccia più intuitiva mai creata?”, secondo Felipe Rocha il capezzolo, secondo te?
Bella domanda, vorrei provare a essere serio su questo. Penso che i capezzoli non sono intuitivi come potrebbero sembrare, e mi chiedo, tutti i capezzoli sono utili? Non riesco a definirli intuitivi come uno specchio. Uno specchio può condividere con te qualcosa di utile e poi ci si può interagire molto rapidamente con risposte veloci. Da questo punto di vista credo non abbia concorrenti.

Qual è la tua giornata lavorativa tipo?

nicola-felasquez-felaco-postazione

Colazione abbondante e veloce check/refresh via Feedly, Layervault, Sidebar.io, Producthunt, Twitter. Controllo poi le attività quotidiane. Un paio di cuffie e le giuste playlist su Spotify sono essenziali.

Qual è Il progetto più stimolante e impegnativo che hai realizzato?

nicola-felasquez-felaco-musixmatch

Sono molto critico sul mio lavoro, l’ultimo è sempre il migliore, naturalmente. Come designer, una delle miei più grandi sfide è stato il redesign delle app MusiXmatch per iPhone e iPad con l’uscita di iOS7, che ha poi ricevuto l’Apple Design Award.

nicola-felasquez-felaco-airbus

Come illustratore di recente ho lavorato con Airbus per il lancio del nuovo A350XWB velivolo.

Qual è tra i servizi digitali esistenti quello che avresti voluto fare tu?
Penso che stiamo vivendo una grande era di ri-evoluzione, concentrandoci su tanti e piccoli miglioramenti della nostra vita reale quotidiana. Mi piace ad esempio il modo in cui Storylane, Medium, Exposure, Storehouse hanno cambiato il nostro modo di fare “blog”, ridisegnare l’esperienza di scrittura di storie per qualsiasi argomento con una bella e pulita tipografia e potenza visiva.

Molti designers fanno l’errore di iniziare un progetto direttamente da Photoshop, esiste un metodo perfetto di progettazione? Qual è il tuo approccio al processo creativo?
Chi decide? In genere tutto quello che mi serve sapere è quali strumenti abbiamo per soddisfare il nostro scopo e poi costruire il migliore (non perfetto) metodo di progettazione, per me. Posso cominciare con Photoshop o Illustrator se necessario, non è uncool. La cosa più importante è essere pronti a provare, scegliere o costruire alternative per migliorare ogni fase del processo di progettazione.

Il “design” è parte fondamentale della nostra vita analogica. Qual è il ruolo del designer nella nostra vita digitale?
Che sia digitale o meno, pensato per tante persone o solo per se stessi, la cosa migliore è provare a risolvere qualcosa con la propria impronta dando una vision caratteristica al design su cui si sta lavorando. Un grande compromesso è riuscire a fare del buon design cercando di restare umani, rendere sempre più semplice e umano l’uso e l’interazione.

Credi sia importante per un designer avere una conoscenza approfondita di materie come User Experience, Interaction Design, Product Design e Front-end development?
Condividere la propria esperienza con gli altri è un valore fondamentale. Una completa conoscenza sarà sempre più cruciale per capire tutte le potenzialità e i limiti.

Nella tua testa come differenzi User Interface e User Experience?
Disegnare interfacce basandosi sui migliori casi di User Experience per poter delineare una User Experience migliore.

Qual è il tuo rapporto con i developers? C’è chi ha un rapporto di scontro continuo e chi ha un rapporto di profondo amicizia, tu dove ti collochi?
Mi piace avere un confronto continuo con gli sviluppatori, hanno un occhio per le cose che io non ho. Viceversa adoro realizzare visivamente il loro codice.

Come pensi si evolverà la tua carriera e il tuo lavoro nei prossimi 5 anni?
Davvero non lo so, sto lavorando ad alcuni side projects. Spero di poterveli mostrare tra qualche mese.

Cosa pensi di Dribbble? Ritieni sia utile per cercare lavoro?
Dribbble è uno delle più grandi rivoluzioni per designer e creativi, da allo stesso tempo opportunità di lavoro e stimoli continui. (Il Dribbble di Nicola)

Quali libri consiglieresti ad un Designer Junior?
The shape of design di Frank Chimero mi ha molto ispirato.

Quali tools per il design? Quali tools per la gestione di progetti?
Mi sono innamorato di Axure per UI/UX prototyping, Marvelapp e/o Flinto per prototipi veloci di app. Illustrator per il design di icone. Per la gestione dei progetti Trello.

Una famosa citazione di David Carson (noto graphic designer americano) recita: “Graphic design will save the world right after rock and roll does”. Lo User Interface Design lo salverà prima, assieme o subito dopo il graphic design?
Rispetto per David Carson, ma penso che a salvare il mondo ci vuole molto di più che uno User Interface Designer.

———

Interviste/Post precedenti:

Di cosa parliamo quando parliamo di UI Design
Francesco Rapacciuolo
Sebastiano Guerriero
Lorenzo Franchini

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *