Spot Telecom 2013

Spot Telecom 2013: Talent Sciò!

by • 9 Maggio 2013 • Advertising, FocusComments (2)1079

Anch’io amo il talento, ma non esageriamo coi testimonial.

Una ragazza qualunque una mattina si sveglia nel suo lettino e si accorge che è in ritardo a un appuntamento importante. Un enorme gruppo di persone, in contatto tra loro tramite internet e supporti mobili vari, raggiunge entusiasta il luogo dell’incontro. Tutta questa gente, vestita in modo informale, si dà appuntamento a Roma per un flash mob in cui far sentire la propria voce.

No, non sto parlando dei grillini che fanno la marcia su Roma, ma del nuovo spot Telecom.

[youtube]http://youtu.be/omHfXrC0S0I[/youtube]

 

Riposti in soffitta Savino a mamma Maionchi, gli esperti del marketing della Telecom persistono nella ricerca del talent. Del talento no, ma quello era chiaro.

Il ragionamento più o meno sarà stato questo: dobbiamo arrivare ai giovani, oggi cosa piace ai giovani? Facile, i talent. Quindi che hanno fatto? Hanno cercato in giro il primo personaggio da talent disponibile in quel momento e sono capitati su Mara Maionchi. Ci hanno piazzato vicino Nicola Savino, che va forte in radio. Quindi hanno allestito una sitcom senza capo né coda in cui un ultraquarantenne resiste indefessamente a casa di mammà, che gli fa ancora i conti in tasca sulle telefonate. Una roba assolutamente impopolare, non poteva funzionare.

Quindi i nostri eroi hanno cambiato strada, ma non hanno abbandonato la via maestra del talent. D’altra parte lo spot, che apre una serie, si chiama “amo il talento”. Che facciamo? – si saranno chiesti – Prendiamo Chiara, la ragazza della porta accanto che ha vinto XFactor. Le facciamo fare la protagonista di un musical improvvisato, prendiamo il coreografo dello spot Bondouelle (quello di gnamming, gusting, eccetera), aggiungiamo un sacco, ma proprio un sacco di giovani, così si capisce che è per i giovani, e li vestiamo di tutti i colori.

Il risultato è un mischione di Hair (ma magari…), i provini di XFactor o Amicidimariadefilippi e un remake di Tutti insieme appassionatamente, in cui Chiara è credibile come Julie Andrews in 9 settimane e mezzo. E visibilmente imbarazzata come lo sarebbe stata Julie Andrews se avesse girato 9 settimane e mezzo.

Comunque tranquilli signori responsabili del marketing della Telecom, non tutto è perduto. Lo spot, così com’è, per un detersivo che salva i colori non fa una piega. Potete sempre rivenderlo a Dash. Con o senza Chiara. È uguale.

Pin It

Related Posts

2 Responses to Spot Telecom 2013: Talent Sciò!

  1. luigi mastandrea ha detto:

    pessimo spot, per non parlare della parte musicale. buonismo a vangate

  2. stemel ha detto:

    orribile, penoso, imbarazzante.

    la carrellata dei vorrei ma non posso:

    quello della talent-cantante-con-solo-il-primo-nome-chiara-che-fa-ggiovane che deturpa con una cantilena ed una dizione volgari una canzone inno della grazia

    quello del montaggio con il tentativo mal riuscito dell’impatto sonoro della folla che grida

    quello di emozionare, con dei cliché, visti ormai troppe altre volte per poter davvero colpire