Porte aperte per Open House

by • 2 Maggio 2013 • Appuntamenti, Architettura, SegnalazioniComments (0)767

Il 4 e il 5 maggio torna Open House Roma: 170 luoghi ed edifici, sia pubblici sia privati, storici e contemporanei, aperti gratuitamente ai visitatori.

Come per il Salone del Mobile, a eventi come questi si deve arrivare preparati come se si pianificasse la conquista di qualche territorio. Ad alleviare l’impresa un sito ben fatto e la pratica guida divisa per aree con mappe, brevi descrizioni, foto e orari.

Ma cosa è Open House?
È un evento di architettura ospitato da ormai 20 città in 4 continenti. Roma si prepara alla sua seconda edizione dopo il successo dello scorso anno: 26.000 partecipanti, 100 edifici di cui 10 residenze private, 6 edifici costruiti secondo parametri di sostenibilità ambientale, 4 cantieri di edifici in costruzione e 7 tour guidati.

Sì, ma cosa si fa?
Si gira per la città alla scoperta delle migliori architetture della capitale, si partecipa a tour tematici guidati, in bici o a piedi, a mostre, installazioni on site, workshop per bambini, concerti e dimostrazioni culinarie.

Sono solo chiese e monumenti?
No, la possibilità di scelta è ampia: dall’edificio storico più o meno noto all’appartamento privato, dal grande cantiere allo studio di architettura e ancora spazi pubblici, accademie, ristoranti, negozi, musei. Si ha quindi l’opportunità di vedere posti solitamente non aperti al pubblico al grido di “My house, your house”.

Dove?
Gli edifici sono sparsi per tutta la città. L’organizzazione ha diviso i siti in sei aree (Centro storico, Flaminio/Parioli, Nomentano/Pietralata, Esquilino/San Lorenzo, Ostiense/Garbatella, Eur/Corviale) in modo tale da permettere a chiunque di costruire il proprio itinerario. Sarà una meravigliosa caccia al tesoro. Puoi trovare la guida sul sito e presso l’Acquario Romano in via Manfredo Fanti 47, sede dell’Ordine degli Architetti.

Ci sono solo i grandi nomi dell’architettura?
No, questa è anche un’opportunità per conoscere i nuovi talenti dell’architettura.

Quanto costa?
Nulla, è totalmente gratuito ma puoi sostenere OHR attraverso delle donazioni.

Ok, mi hai convinto. Come si fa a partecipare?
Vai sul sito, scegli l’area, il tipo di esperienza e il giorno a cui sei interessato. Avrai la lista degli eventi ed edifici disponibili. Clicca sulla tua scelta e verifica se è necessaria la prenotazione (tramite login) o se l’accesso è libero. Ora pianifica, organizza o semplicemente segui la mappa, entra in un condominio sconosciuto dentro cui si nasconde quell’appartamento del gruppo di giovani architetti, gira l’angolo ed entra nello studio di design, percorri strade che fai tutti i giorni non sapendo che proprio lì c’è un meraviglioso appartamento.

Garantisco che, se camminare per Roma significa passeggiare con occhi rapaci guardando quello che ci circonda, dopo aver partecipato a OHR significherà passeggiare domandandosi e immaginando quello che si nasconde dietro le porte chiuse di questa città.

 

Approfondimenti

Sito – openhouseroma.org/2013/
Facebook – facebook.com/OpenHouseRM
Twitter – @openhouseroma/
 

IMG-20120505-00285

Pin It

Related Posts

Comments are closed.