Red Bull Stratos, quando il marketing sposa la scienza

by • 19 Ottobre 2012 • Advertising, Marketing, Non ConvenzionaleComments (0)962

Felix Baumgartner è ufficialmente entrato nella storia. L’ultima sua missione estrema è la Red Bull Stratos. Trasmessa da 40 network in 50 paesi e in streaming online, è stata sotto gli occhi di tutti: annunciata, attesa e compiutasi con successo e soddisfazione.

Il base jumper amante delle sfide, conosciuto anche col soprannome B.A.S.E. 502 (Salisburgo, 20 aprile 1969), è stato il primo uomo a superare la barriera del suono in caduta libera, lanciandosi dalla Stratosfera a un’altezza record di 39.045 metri (rispetto ai 36.576 metri preventivati).

Baumgartner ha stabilito così ter nuovi record mondiali:

  • la massima altitudine da cui un uomo si fosse mai lanciato;
  • raggiungere e superare, in caduta libera, la velocità del suono (1.100 km/h) senza l’ausilio di un mezzo meccanico;
  • la massima altitudine raggiunta da un uomo a bordo di un pallone aerostatico.

Ma non solo. L’esperimento del 14 ottobre, che ha richiesto circa cinque anni di preparazione, ha dato la possibilità agli studiosi di raccogliere dati utili alla ricerca scientifica.

In questo modo, un evento di importanza storica, anche e soprattutto a livello scientifico, si è trasformato per l’azienda in un amplificatore di visibilità senza precedenti. Da sempre al fianco delle discipline sportive estreme, Red Bull ha superato questa volta il limite.

Solo a livello di ascolti, il Red Bull Stratos, documentato da 35 telecamere, è stato seguito su YouTube in diretta da otto milioni di persone. L’evento, inoltre, ha generato tre milioni di ‘cinguettii’ su Twitter.

In Italia, ascolti da record su Ascolti da record Mediaset Italia 2 che ha trasmesso, in esclusiva assoluta per l’Italia, l’intero ‘RedBull Stratos – Missione ai confini dello spazio’, seguendo passo dopo passo, con uno studio collegato sempre in diretta, dalle ore 17.25, la missione di Baumgartner, dalla partenza a bordo della capsula fino al momento del suo atterraggio sul suolo terrestre, circa tre ore dopo.

Il salto di Baumgartner ha totalizzato un ascolto medio di 867.000 telespettatori, con una share del 4.9% sul target individui e del 15.2% sul target uomini 15-34 anni. Alle ore 20.05, la delicata uscita di Baumgartner dalla capsula prima del lancio nel vuoto, ha registrato il picco massimo del 19.4% di share sul target uomini 15-34 anni.

Alle 20.13, pochi istanti dopo aver aperto il paracadute, la discesa dell’austriaco ha registrato il picco di ascolto in telespettatori, pari a 1.856.000 totali.

La ‘spedizione’ è stata seguita dal team center Red Bull di Roswell, in mezzo al deserto del New Mexico (Usa).

 

Pin It

Related Posts

Comments are closed.