Copywriter geneticamente modificati

by • 28 Settembre 2012 • Copywriting, Focus, IspirazioneComments (2)1440

copywriter geneticamente modificati DNARiflessioni di un copy in crisi di identità.

Nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma. Anche i copy. Sembra proprio che oggi il DNA del copywriter stia per Digital Native Advertiser. Ma è proprio così?

Facciamo subito un distinguo tra tutto ciò che è adv – stampa, tv e affissione si continuano a fare esattamente come prima – e l’universo di attività trasversali che spaziano dal btl al web, sui social, fino alle iniziative sul punto vendita e a tutto un insieme di situazioni ancora prive di un nome che le identifichi. Il copywriter ha ancora un ruolo in questo universo? Come si muove al suo interno? Come ha modificato il suo lavoro?

Spesso si mette in contrapposizione la generazione della vecchia guarda di pubblicitari – vecchia si fa per dire – a quella dei cosiddetti “nativi digitali”, che il digital marketing se lo mangiano a colazione con le merendine.

Quasi mai una parola sull’infame generazione “di mezzo”, quella di noi trenta/quarantenni.

La generazione in questione è quella dei bambini degli anni ’80: la “Milano da bere” noi la vedevamo in tv tutti i pomeriggi insieme a Bim Bum Bam, in un decennio colorato e scintilloso in cui tutti erano felici e tutto sembrava possibile.
In seguito, negli anni ’90, eravamo impegnati a sognare di fare questo lavoro fantastico, mentre frequentavamo il liceo e, dopo, una facoltà che nella maggior parte dei casi non c’entrava nulla coi nostri progetti.
Ci siamo così ritrovati all’inizio del nuovo millennio, appena usciti dal portone dell’università, di fronte a un mondo nuovo che aveva i telefoni cellulari, internet, un paio di torri in meno e una grossa crisi economica in più. La domanda sulla bocca di noi tutti fu: “E mò?!”

Nel frattempo, mentre noi eravamo sulle nuvole a leggere e sottolineare i passaggi salienti de “La Parola Immaginata” e a farci un portfolio di annunci finti, come ci aveva consigliato qualche “anziano” che avevamo fortunosamente conosciuto chi sa come, i giovani nati nei primi anni ’90 dicevano “Universiché? Noi andiamo allo IED!” Eh già, perché noi frequentavamo Lettere, Architettura e Giurisprudenza per motivi oscuri o per fare contenta mamma, e loro invece andavano dritti al punto.
La cultura era cambiata e le riforme scolastiche avevano favorito la strada alle specializzazioni in qualsiasi campo. Insieme alla nuova generazione, o un attimo prima, erano nate anche le varie facoltà di Scienze della Comunicazione e l’Accademia, dove gli attuali ventenni gli “anziani” se li ritrovano comodamente a disposizione in cattedra tutti i giorni.

Abbiamo così oggi almeno tre generazioni a confronto:

  • i copy “anziani”, ovvero gli attuali direttori creativi delle grandi agenzie, occasionalmente docenti di comunicazione nelle scuole sopra citate. Se ne trova un ottimo campionario nel bel libro “The Headliners” di Pasquale Diaferia, in cui quasi tutti si trovano d’accordo sul cambiamento che ha subito e sta subendo il lavoro del copy.
  • la generazione “di mezzo”, che si è trovata a doversi riprogrammare, inserendo nel proprio vocabolario nuovi termini come social, follower, blog, SEO, twittare, ottimizzare…
  • i giovani, quelli cresciuti a pane e social network, all’interno dei quali si muovono con la stessa disinvoltura con cui noi ci allacciamo le scarpe.

Sarebbe bello sapere da qualche esponente di quest’ultima generazione che ha voglia di raccontarsi, quali erano/sono le sue aspettative sul lavoro di copywriter e, qualora stesse già lavorando, qual è la sua realtà lavorativa quotidiana. Sarebbe anche molto interessante sapere invece come i copy della mia generazione (ma anche di quella precedente) stiano riorganizzando il loro lavoro o se, al contrario, questo articolo per loro non ha senso, perché continuano a fare normalmente titoli e body copy così come avevano sempre sognato.

 

Pin It

Related Posts

2 Responses to Copywriter geneticamente modificati

  1. Marco Massignani ha detto:

    Caspita, è la mia biografia!!!