Copie (poco) creative

by • 21 Agosto 2012 • Advertising, FocusComments (0)1363

Preparando un articolo dedicato alle immagini più utilizzate dai grafici (spunto tratto da un workshop tenuto in luglio) riflettevo sul denominatore comune  di  tante realizzazioni creative che, a volte, sembrano così povere di idee da doversi ispirare (per così dire) al passato; non ho mai sopportato, per citarne uno, lo spot acqua lete: un triste omaggio, ai Muppets e al loro mitico Mahna mahnà.

Tra una ricerca e l’altra dunque ho deciso di divertirmi un pò catalogando alcuni casi famosi di citazione, omaggio o plagio.

 

Inizio da uno spot pluripremiato che alla sua uscita letteralmente adorai, subito demolito nell’ entusiasmo dalla mia mentore (una Creative Director greca conosciuta nell’agenzia dove lavoravo): Ariston Aqualtis (Scheda e Credits dello spot Aqualtis). Raccontandole dello spot e mostratole il video, in silenzio prese un annual/raccolta di realizzazioni pubblicitarie dell’anno prima e mi mostrò una pubblicità tedesca che anticipava il concept dello spot in questione.

Ecco 3 dei 4 soggetti di quella campagna “Ecover” pubblicati anche sul noto Archive (Luezer) e risalenti al 2004: versus aqualtis

Un approfondimento qui ecover vs aqualtis e su coloribus.
Non mi interessa aggiungermi alla polemica scaturita in rete (che potete leggere qui e qui con alcune decise prese di posizione) ma, dal mio punto di vista è innegabile che uno dei 2 si sia “ispirato” all’altro (che era disponibile in uno dei famosi volumi che raccoglieva le migliori realizzazioni dell’anno precedente).

 

LE AUTO ELETTRICHE IN SERIE DI NISSAN, RENAULT E MITSUBISHI

Partendo da un articolo letto su SpotAnatomy scopro che non 2 ma addirittura 3 case di produzione hanno deciso di sviluppare la loro comunicazione rimarcardo il concetto “le auto a combustibile inquinano”. Per essere sicuri di far penetrare il messaggio (interessati alla salute del pianeta, ovvio)  hanno deciso di utilizzare lo stesso identico concept. Si, esattamente lo stesso. Cambiando gli attori per non confedere gli utenti.

Chi ha copiato chi? Non è importante, non in questa sede. Resta l’amaro sorriso, of course.

Giudicate voi: ecco la Nissan

 

Seguita dalla Renault

 

e da Mitsubishi

 

Sostenendo che alcune di queste case abbiano dei contatti e/o accordi particolari (Renaul e Nissan) lascia comunque un pò basiti scoprire marchi diversi che si muovono in parallelo sullo stesso sentiero clonando stile e messaggio.

 

COPIE (POCO) CREATIVE

L’arte della copiatura e delle ispirazioni sovrapponibili si offre in tante forme diverse ed è più frequente di quanto ci si aspetti. La ritroviamo anche negli spot Telecom e Calzedonia (per citare due nomi noti) dal concept analogo a quelli dei magazzini inglesi John Lewis (Video e info qui – il quarto video riprende quello dell’Aqualtis, sopra citato); altre dimostrazioni nelle tante campagne contenute in questo link tutto da gustare.

 

 

Il fenomeno coinvolge trasversalmente creatività di ogni genere, non solo spot e adv e non solo cattive intenzioni: continuiamo il viaggio concentrandoci su Amnesty International (immagini e info qui) e su un altro esempio che si palesa in qualità di scelta tattica: iGasm (dall’uso legato all’ iPod, la cui campagna mandò su tutte le furie Apple), chiudendo con e il marchio Dirt Devil che per Halloween decide di citare/omaggiare un noto film horror

Campagna Amnesty International

 

ipod vs igasm

 

Scavando in rete si trovano anche alcuni casi di licenza ispirativa che potrebbero essere considerati una semplice casualità: è il caso di dell’accoppiata Vivident Blast / Elio e le storie tese o degli spot che hanno anticipato il concept “festaiolo” di Heineken.

Arrivando oltre il limite del lecito dubbio e della casualità esistono anche certezze cristalline. E’ il caso dello Spot comparativo “Mediaset Premium vs Sky” conosciuto pet le “analogie” con i famosi spot “Mac vs PC”.

Kinder cereali non si accontenta di ispirarsi al suo predecessore e lo clona, letteralmente.

E c’è chi riesce a fotocopiare l’intero spot è il momento di parlare di palestre, modelle e… noci!
Info e dettagli sul sito Joelapompe.

Gli episodi si moltiplicano ed ecco il glorioso Maxibon clonato da Fixdesign (segnalato da Lorena Nasi del gruppo Roba da Grafici). Chiudono qeusta carrellata la campagna WWF e il Tom Ford “riciclato” da Franzese.

A chi abbia voglia di approfondire ulteriormente consiglio un sito ricchissimo di esempi: JoeLaPompe.net   e i link: Quando gli spot si somigliano, Heineken e altre campagne a confrontoCopie, omaggi e coincidenze “cosmiche” (in inglese).

E voi quali casi conoscete?

 

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *