Matt Morasky - FOI 12

Frontiers of Interaction 2012

by • 11 Giugno 2012 • Appuntamenti, Design, Focus, SegnalazioniComments (0)966

Venerdì 8 giugno, grazie a Tiragraffi, ho partecipato alla seconda giornata del Frontiers of Interation 2012, punto di riferimento internazionale sui temi del design, della tecnologia, del web e del business ed è stata davvero una bella esperienza.

Nata nel 2005 per esplorare i temi e le idee nel campo dell’interaction design, Frontiers of Interaction è diventata in breve tempo la conferenza leader sull’innovazione in Italia, riuscendo a creare un ponte virtuale tra l’Europa e la Silicon Valley.

Questa seconda giornata  è stata uno spettacolo davvero particolare, guidata da due bravi chair: Leandro Agrò, Co-founder e Presidente FOI e da Matteo Penzo, CEO FOI.

La conferenza si è svolta nel Teatro 10 di Cinecittà in Roma e sin già dall’ingresso si è percepito subito lo spirito tecnologico, futurista ed un po’ geek che avrebbe caratterizzato tutta la giornata.

Donkey Kong - Frontiers of Interaction 2012Superato l’ingresso infatti un percorso con maxi sticker a terra ti guidava verso l’ingresso del teatro, passando per vecchie scenografie e location dei film (per chi non era mai entrato come me, l’impatto è stato davvero suggestivo).

Durante la conferenza si sono incontrate e confrontate oltre 500 persone, tra professionisti ed appassionati del settore provenienti da tutto il mondo: innovators, guru del web, ricercatori, molti startupper e agenzie.

La giornata si è sviluppata attorno a quattro tracce ed idee: Incoming future, Talking Objects, Putting life into pixels e UX is Biz.

Il programma in generale è stato davvero interessante.
Ecco, secondo me, gli interventi più coinvolgenti.

Tanya Vlach

The Cyborg Consciousness

Sono rimasto senza parole quando ho capito che creare un occhio bionico funzionante, che potrebbe aiutare e ridare la vista a molti, è quasi una realtà. Grazie al crowdfunding Kickstarter ed alla raccolta fondi sui social, il progetto è in fase di sviluppo.

John Jay Rogers

Local Motors

Un progetto davvero interessante che coniuga la passione per i motori al design più spinto per iper customizzare la propria auto. Potrebbe essere uno dei modi per rilanciare il settore? Vedremo.

Timo Arnall

designer & researcher

Mi è piaciuta molto l’impostazione e lo stile del designer, sopratutto quando ha citato l’acronimo B.A.S.A.A.P, Be As Smart As A Puppy. Mi è rimasta impressa una citazione che ha proposto:“Some people (they are wrong) say design is about solving problems. Obviously designers do solve problema, but then so do dentists. Design is about cultural invention”. Ma sopratutto mi ha colpito (e non vedo l’ora di acquistare) la Little Printer: una piccola stampante che attraverso uno smartphone  permette di creare un mini-giornale portatile con i propri feed.

David Crane

Una delle ragioni del perché esser presenti a questa edizione del FOI 2012. Il padre dei videogame e uno dei fondatori della gaming house Activision.
Per chi non lo conoscesse, David Crane è uno dei padri fondatori del gaming moderno ed uno dei più talentuosi e di successo developer di tutti i tempi!
È il padre di Pitfall, uno dei maggiori successi commerciali per Atari, con circa 4 milioni di copie vendute.
È stato davvero interessante ascoltare l’evoluzione e la storia di come è stato creato ed ha fornito una serie di spunti per gli “Sviluppatori di oggi”.
Una chicca imperdibile. Ha annunciato un nuovo progetto, impossibile da non seguire: jungleventure.com.

Matt Morasky

The future of (business) Interaction: Daring to Leap the Understanding Gap

Matt Morasky - FOI 12Matt Morasky è un Communication Designer e con il suo intervento e le sue slides mi sono divertito e mi sono ritrovato in certe situazioni che, per chi come me lavora sul web, capitano spesso: cercare di coniugare richieste e bisogni, a volte immediati, con gli obiettivi e risultati. Mi è piaciuto il suo C.U.D.A.R, cioè, Clarification, Understanding, Decision, Action e Result.

In conclusione un’esperienza interessante, utile per un confronto a 360 gradi su questi temi e per analizzare e studiare diversi stili ed approcci alla comunicazione ed all’innovazione.

Eravate presenti anche voi? Cosa ne dite? Cosa vi è piaciuto di più? O cosa non vi è piaciuto?

Pin It

Related Posts

Comments are closed.