Ansel Adams: La Natura è il mio regno (ovvero come deprimersi e deporre la macchina fotografica per sempre!)

by • 20 Gennaio 2012 • Expo, Fotografia, SegnalazioniComments (0)1019

Non so che tipo di fotografi siate voi. Personalmente mi sento una super dilettante .. soprattutto ora, dopo aver visto la mostra di Ansel Adams (a proposito, affrettatevi, dura fino al 29 gennaio!).

Per chi non lo conoscesse, Adams (1902 — 1984) è considerato uno dei grandi della fotografia, è famoso per le sue foto di paesaggi – dei grandi parchi americani- e per il suo bianco e nero. Nel 1932 fondò insieme a Imogen Cunningham e Edward Weston il gruppo f/64, promotore di un linguaggio fotografico improntato alla purezza e al modernismo.

Come tutti i geni non compresi, a scuola venne considerato poco adatto e criticato perché iperattivo;  una volta ritirato da scuola, fu il padre ad occuparsi della sua educazione. All’età di 12 anni iniziò ad imparare a suonare il pianoforte, questa attività lo prese così ardentemente che diventò presto molto abile. Il piano fu la sua principale attività fino al raggiungimento dei vent’anni.

Il 1916 è l’anno della svolta, l’anno in cui Adams visita lo Yosemite Park, per la prima volta. Ha con sé un oggetto molto importante : la Kodak Brownie regalatagli dal padre.
La vista di tutta quella natura incontaminata segna profondamente, la sua vita, la sua immaginazione, e il suo futuro (le sue foto dei parchi lo renderanno famoso).

“La Natura è il mio regno”, che raccoglie oltre 70 fotografie , celebra il maestro a poco più di un secolo dalla sua nascita. La mostra ha riscosso molto successo, ed è già stata visitata da oltre 60.000 persone.

Ho trovato la scelta del percorso espositivo non semplicissima e neanche troppo chiara, ma vi assicuro che le foto sono grandiose.

Tra i capolavori esposti si trovano Moon Rise over Hernandez, New Mexico; Half Dome; Merced River e Monument Valley; Moon and Half Dome e Moonrise;  Rapids Below Veronal Falls; Winter Yosemite Valley; The Tetons and the Snake River.

Consigliata non solo agli amanti del bianco&nero , perché le stampe sono così “vive” che il bianco e nero sembra quasi colore!

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *