Vogue Fashion Night Out a Roma

by • 16 Settembre 2011 • Focus, Moda e tendenzeComments (1)1429

Dopo l’evento di Milano l’8 settembre, la Vogue Fashion Night Out è arrivata a Roma con 430 negozi aperti e una folla di gente che ha invaso le vie del centro. Una notte per le vie del centro, da Piazza di Spagna a Piazza del Popolo, lungo via del corso e via Sistina: praticamente tutto il centro storico della capitale è stato letteralmente invaso da una folla di persone che entrava e usciva dei negozi, guardava le vetrine e passeggiava, cercando il Vip o il gadget creato per l’occasione.

Tantissimi i negozi e altrettanti gli eventi: da dj-set a veri e propri concerti, aperitivi e feste, consegna di premi e degustazioni di cocktail e stuzzichini, tanto che è stato difficile vedere tutto e impossibile per la sottoscritta provare ad entrare in via Condotti, responsabile anche l’atmosfera rilassata vissuta subito prima da Nespresso in Piazza San Lorenzo in Lucina. Gadget della serata, la candida pochette Lattissima + i cui ricavati, come anche per gli altri brand che aderivano (dalle shoppers alle penne usb, dai taccuini alle t-shirt) andavano alla Croce Rossa, intuibile dalla presenza a tappeto delle crocerossine che camminavano in mezzo alla folla di fashionisti.

In via Margutta l’evento di Campari, con la madrina/artefice della serata Franca Sozzani che ha premiato Bianca Balti e Dante Ferretti col Campari Red Passion Prize, in via Condotti c’era Luca Argentero da Swarowski, mentre in Via del corso la mostra Todo o Nada del fotografo Mario Testino allestita a Palazzo Ruspoli a riprova che la moda è sì frivolezza, ma anche professionalità e visionarietà cui difficilmente si puo’ rinunciare. Nella Galleria Alberto Sordi la Mostra dei Capolavori di Ricamo e Tricot Cinese.

La moda a Roma puo’ funzionare, così come eventi simili alla VFNO: avrei voluto ricordarlo al sindaco avvistato dalle parti di Piazza di Spagna, la Notte Bianca della capitale sarebbe un’ottima occasione e una splendida esperienza per i romani e i turisti di godere della capitale by night in un’atmosfera internazionale che manca a Roma da ormai troppo tempo.

Tappeti rossi, petali di rose, bicchieri pieni di cocktail e tutte le griffe più importanti del mondo a disposizione per gli intervenuti, e tanti Vip di ogni grado a rendere più popolare l’intera serata. Serviva davvero Vogue per creare ciò che a Roma esiste da sempre? Il tempo, i luoghi, tutto azzeccato, a parte i sandali della sottoscritta che si son rotti al quindo minuto di camminata (subito rimpiazzati, facilissimo in una serata del genere!).

Pin It

Related Posts

Comments are closed.