Come sfruttare LinkedIn al meglio

by • 15 Luglio 2011 • Infografica, Lavoro, MarketingComments (0)895

LeadFormix, ha realizzato un’infografica che Web In Fermento ha tradotto, in cui si suggerisce come sviluppare una strategia di social media marketing utilizzando LinkedIn.

[ad#468×60-tiragraffi]

1. Costruisci una robusta presenza del brand.

Per chi non lo sapesse, LinkedIn permette di creare un profilo aziendale (tipo la fanpage di Facebook) dove è possibile inserire numerose informazioni quali il logo aziendale, prodotti e servizi con relativa descrizione, evidenziare i contatti che seguono l’azienda (followers), le raccomandazioni, i video, le offerte speciali, le statistiche e il feed del blog aziendale, se esistente.

2. Condividi gli aggiornamenti.

Ciò che sicuramente crea attrazione in LinkedIn è la possibilità di condividere gli aggiornamenti, che possono essere status update o contenuti condivisi da Twitter, che è possibile collegare a LinkedIn e di conseguenza un ulteriore possibilità di portare traffico da link colleganti al proprio corporate blog. Gli aggiornamenti possono anche riguardare la possibilità di condividere post, offerte, annunci e webinars.

3. Diventa un esperto.

Sfrutta LinkedIn per attività di community management. Grazie alla sezione di Q&A è possibile ricercare gruppi e discussione di proprio interesse e parteciparvi nel tempo fino a diventare un vero e proprio esperto. Di conseguenza anche il vostro ruolo e il vostro lavoro (forse) potrà beneficiarne.

4. L’importanza dei gruppi.

Come già accennato i gruppi sono molto importanti in LinkedIn. Nella sola lingua inglese ce ne sono più di 700 mila. LinkedIn da la possibilità di creare e/o gestire fino a 10 gruppi e di essere membro e moderatore di un massimo di 50 gruppi.

5. Sfrutta le inserzioni sponsorizzate (adsense).

Anche su LinkedIn è possibile utilizzare i cosiddetti adsense, banner sponsorizzate e contestualizzati che hanno l’obiettivo di catturare l’utente mentre naviga nel social network. Come quelli per Facebook, anche per gli adsense di LinkedIn è possibile pianificare una campagna su target geografico, per tipologia e funzione lavorativa, per tipologia di industria e dimensione dell’azienda, per sesso e per età.

6. Distribuisci dei pdf.

LinkedIn, anche attraverso l’integrazione di altri social media come Slideshare, permette di distribuire i cosiddetti “white paper” aziendali che, se di alto interesse, possono diffondersi e diventare virali. Un’occasione sicuramente da sfruttare.

7. Promuovi eventi.

Dai corsi di formazione, alle conferenze, ai webinars, ai semanari, tutto ciò può creareengagement.

8. Account premium.

Sottoscrivere un account premium ti permette di avere funzionalità aggiuntive che, si è si è una grande aziende converrebbe sfruttare, quali lead generation, profilazione degli account ed attività di ricerche di mercato.

[ad#468×60-tiragraffi]

[ via LinkedIn per il Marketing [infografica] | Web In Fermento ]

Pin It

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *