Should I work for free by Jessica Hische - click to enlarge

Lavorare gratis: quando, dove e (soprattutto) perché…

by • 2 marzo 2011 • Lavoro, Ora d'ariaComments (1)81

Quante volte ci è stato chiesto di lavorare su un progetto a titolo gratuito o di amicizia?
Quante volte ci sono state richieste consulenze e professionalità in cambio della promessa di tanti nuovi lavori?
Quante volte con la scusa della crisi, ci sono state richieste prestazioni a basso costo, con una mano sul cuore (e l’altra sul portafoglio)?

Se avete almeno una volta, nell’arco della vostra carriera, vi siete ritrovati in una situazione simile, questo è lo strumento che fa per voi.

Jessica Hische ha realizzato questo divertente schema, da seguire, partendo dal centro per scandagliare tutti i vari casi per cui potreste lavorare gratis per qualcuno e, soprattutto, quando dovreste dire fermamente di no.

[ via A Photo Editor – Thinking Of Working For Free? ]

Pin It

Related Posts

One Response to Lavorare gratis: quando, dove e (soprattutto) perché…

  1. wido scrive:

    Posso comprendere che chi come me inizia a muoversi in questo campo abbia degli onorari più bassi rispetto ad altri che lavorano da molto più tempo ed hanno un certo nome. In ogni caso il lavoro va comunque retribuito, e va pagato il dovuto. In questo campo si studia tanto quanto se non di più rispetto ad altri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>