10 regali per rendere felice un comunicatore (ed. 2010)

by • 20 Dicembre 2010 • Focus, Risorse, StrumentiComments (7)2723

Natale è alle porte, e sono rimasti davvero pochi giorni per completare i regali da fare.

Quest’anno, anche noi di Tiragraffi abbiamo voluto suggerire una lista di regali da fare (o ricevere), dedicata a chi si occupa di comunicazione.
In un post a più mani, ogni autore ha detto la sua, fra carta ed elettronica, fra passato e futuro, fra sacro e profano… ed è uscita fuori questa spassosa lista.

Buna lettura, e che vi sia di ispirazione :)

P.S. Nota di servizio… qualche autore ce lo siamo perso per strada… volendo si può fare anche un secondo last minute post di regali…
Stay Tuned!

 

 

1 – Tactical Pen

Consigliato da Andrea Nicosia
Penna tattica israeliana, marca UZI (gli stessi delle mitragliatrici).
Scrive in qualsiasi posizione, nello spazio e sott’acqua e può essere usata per infliggere dolore ai clienti!

In vendita su amazon.com dove potete trovarne di varie marche e modelli.

2 – Tablet

Consigliato Luca Tempestini
Ormai uno strumento quasi indispensabile per ogni buon comunicatore:per scrivere, navigare e sfruttare tutta la potenzialità dell’ambiente social sul web.
Non staremo a promuovere una marca, un modello o un sistema operativo a discapito di un altro, anzi per aiutarvi nella scelta vi segnaliamo un portale dedicato www.tabletitalia.com per farvi scegliere con tutta calma.

3 – Personal Branding

Consigliato da Marilena Porfiri
L’ho ricevuto io stessa come regalo di un divertente concorso online e quindi mi pare decisamente un’ottima idea da omaggiare ai vostri comunicatori preferiti. Su “Personal Branding” 12 capitoli per imparare come vendersi al meglio, promuoversi, insomma in sintesi come sapere, sapersi comunicare. Perché come si dice e come ho imparato dalla vita finora “chi sa vendersi” appunto, della vita, ha capito tutto o quasi.

Editore: HOEPLI

4 – Ebook reader

Consigliato da Paola Santoro
Comodo, semplice ed ergonomico. Un ebookreader a inchiostro elettronico ti grantisce una leggibilità analoga alla resa della carta stampata, un’ottima visibilità sia sotto il sole sia con la luce riflessa dalla neve durante le vostre vacanze natalizie in montagna. Gli occhi non si stancano, le batterie durano per giorni, alcuni device permettono anche di prendere appunti e di inglobare contenuti multimediali. E poi puoi portare in soli 200 grammi (e anche meno) tutta la tua biblioteca e permetterti di scegliere all’ultimo momento cosa leggere in base al tuo umore. Tutti questi device hanno interfacce amichevoli e intuitive e per questo Natale vi consiglio di scegliere un modello touch per rendere ancora più intima l’esperienza di lettura digitale!

5 – The Branding of Polaroid

Consigliato da Valentina Cinelli
Paul Giambarba è una leggenda vivente, infatti è colui che ha creato la storica icona di Polaroid e ne ha curato l’immagine dal 1958 al 1977, e fino al packaging in edizione limitata per l’ultima pellicola originale Polaroid, introdotto presso il Centro Internazionale di Fotografia di New York il 18 dicembre 2009.

Per chi ama la storia del design, un libro in edizione limitata con documenti, schizzi, fotografie sul logo Polaroid e l’identità dell’azienda nella sua epoca d’oro. Tutte le copie sono autografate dallo stesso autore. Per veri feticisti…

shop.the-impossible-project.com

6 – L’inutile indispensabile.

Consigliato da Francesco Galiero
Da tempo ci pensi e ci ripensi. Lo compro. Non lo compro. Si ok, domani vado e lo prendo. Poi passano due o tre settimane, preso dal lavoro fai dissolvere quella irrefrenabile voglia di averlo. Poi ti sistemi la scrivania lasciandogli un virtuale posto assegnato e ti dici: “qui starà proprio bene”. Un bel giorno poi, ti decidi a vai. Ti rechi al tuo negozio di fiducia e resti catalizzato per una decina di minuti come un merluzzo morto quando lo vedi in vetrina. Beh, a me l’iPad ha fatto proprio quest’effetto. È da tempo che lo aspettavamo ma nello stesso momento in cui lo abbiamo potuto tenere fra le mani ci sono nati i dubbi. “Ma ci posso fare veramente le cose di cui ho veramente bisogno? Oppure tra qualche mese lo ritrovo nelle mani dei miei nipoti perché non sono riuscito ad aprire quel file di Word?”

Tutti i nostri dubbi svaniscono dal momento in cui lo usiamo per la prima volta. Il tuo PowerBook quasi non lo rimpiangi, tranne per le cose più impegnative. La leggerezza, la lunga autonomia e la versatilità ne fanno uno strumento davvero insostituibile per chi è sempre in giro. Apple, come sempre, definisce nuovi standard per il nostro digital lifestyle. Le App, sempre in continua crescita, ti permetteranno di fare tutto quello che vuoi e quelle che vanno oltre la tua immaginazione. Chi ha “smanettato” un po con l’iPhone lo sa. Io penso che comunque ne valga la pena, anche se il prezzo non è proprio per i regali di tutti i giorni. Ma per Natale sarebbe un ottimo regalo.

Io conservo ancora il suo posto sulla scrivania. Ormai penso che acquisterò la seconda serie.
Buon iPad a tutti.

Di seguito alcuni esempi di versatilità dell’iPad.

7 – FontBook

Consigliato da Margherita Facca
Non so di preciso cosa possa desiderare un comunicatore, probabilmente un iPad, se non se l’è già comprato. Quello che posso dire è cosa potrebbe piacere a un art director, in erba o no, meglio se typonerd (quindi prendete pure nota su cosa regalarmi il prossimo Natale). Un libro che sarebbe bello non mancasse mai nella biblioteca del piccolo artdirector è probabilmente la più grande e completa guida di font che sia mai stata prodotta, ossia il mitico FontBook di FontFont. Contiene di tutto, dalla storia del font alle informazioni su font similari e le versioni linguistiche aggiuntive.

Se poi proprio non vi interessa e non volete regalarmelo, sul sito vengono consigliati anche usi secondari che si possono fare del volume; pare che sia particolarmente indicato come fermaporte, fermacarte, rialzo stabile per i computer e, infine, come arma mortale. Io aggiungerei anche passatempo per sonnambuli, ora che si son spulciati tutti i 32000 font segnalati o ci si addormenta o si dà il buongiorno all’alba. :)

www.fontbook.com

Htc Desire Hd

8 – Htc Desire Hd

Consigliato da Rita Simone
Non me ne vogliano gli iPhone lovers ma secondo me è davvero il meglio del momento ed è per questo che giro per Roma per cercare di accaparrarmene uno prima delle vacanze … ma per ora: “Mi dispiace signorina ma c’è solo quello in esposizione”.
Mi son fatta affascinare dall’omino verde Android che credo sia una sicurezza per i geek più accaniti e smanettoni, ma è sopratutto l’amico Flash che non ha problemi.

Potrò leggere tutti gli eBook direttamente sul telefono poichè è anche ebook reader ed essendo tutto schermo offre una lettura molto confortevole.
Foto e video sono rigorosamente in HD, fantastiche se viste direttamente sul telefono ed eccellenti se inviate “senza fili” sulla TV.
Grazie a Friend Stream in un’unica schermata potrò avere tutti gli aggiornamenti dei miei contatti da qualunque social network arrivino!
La navigazione è semplice e intuitiva e potrò usarlo anche come punto di accesso Wi-Fi per il mio portatile.

A chi serve non solo un cellulare, ma un device completo per non aver nessun problema mentre si è fuori, anche perchè tra GPS, bussola e mappe perdersi diventerà davvero complicato.

Babbo Natale sei avvisato, quest’anno resta pure a casa, compra on line!

9 – Fare business con Facebook

Consigliato da Maria Luisa Spera
Facebook, con oltre 16 milioni di Italiani e più di 550 milioni di membri nel mondo, è la piattaforma ideale per chiunque voglia comunicare e condividere informazioni con amici e clienti, su scala globale. Per queste ragioni Facebook è anche un luogo ideale per il business, dove le aziende possono “parlare” direttamente con i propri consumatori. Nell’era del Web 2.0, in cui la persona è in grado di produrre contenuti con facilità e di sviluppare un rapido passaparola su qualsiasi argomento, Facebook è l’ambiente dal quale chiunque si interessi al marketing, alla promozione o alla comunicazione non può più prescindere.

Editore: HOEPLI

10 – L’erbagatta caricabatterie

Consigliato da Margherita Facca e da tutta la Redazione
Dopo aver consigliato tutti questi device elettronici, c’è la necessità di una stazione per ricaricare tutte le loro batterie.
E per rimanere in tema di gatti e tiragraffi, ecco il Grassy Lawn Charging Station, una serie di caricabatterie nascosti in un contenitore di erba sintetica. Un tocco di verde alla casa, cavi nascosti e… un po’ di erbagatta virtuale per digerire 12 mesi di pessime pubblicità…

… ovviamente su thinkgeek.com

Pin It

Related Posts

7 Responses to 10 regali per rendere felice un comunicatore (ed. 2010)

  1. cirox ha detto:

    Evviva Margherita.
    Pure io FontBook.
    Ce lo scambiamo? Io lo compro a te e tu a me? O ne prendiamo uno e facciamo un mese a testa?

  2. valentina cinelli ha detto:

    fatemi sapere se fate un mese a testa…
    dato che dovrebbe passare da napoli a milano, magari fa anche staffetta a roma ;)

  3. margotta ha detto:

    quasi quasi. è che sono MOLTO gelosa dei libri. :)